CUS Udine - SKF - info@scuolakayakfriulo.com

Regali di Natale...per il Re delle Alpi.

Pubblicato da Staff SKF in data lunedì, dicembre 24, 2018 In: Progetti SKF
Carissimi amici di Scuola Kayak Friuli, anche quest'anno è arrivato il momento delle Feste.
Certo, Dicembre non è un mese in cui venga spontaneo pensare a escursioni in torrente, bagni nei laghi o rapide impetuose.

Vorremmo comunque farvi i nostri più cari Auguri di Buon Natale, augurandovi di finire il 2018 e iniziare il 2019 nel migliore dei modi... chissà se ci vedremo in acqua tra qualche mese!



Prima di tornare a pensare al Cenone, a Pandoro, Gubana e Panettone (e al modo con cui dovremo smaltire tutto a gennaio) vorremmo però chiedervi un regalo.

Il regalo è per il nostro adorato Fiume Tagliamento, il Re delle Alpi, uno dei pochi fiumi europei completamente libero di scorrere nel suo letto originale. E’ un fiume spettacolare nella sua maestosità e ricco di biodiversità.  
Tutelare i fiumi e ripristinare la loro libertà di divagare naturalmente è una garanzia per la nostra sicurezza, aumenta la qualità delle acque, ci aiuta a fronteggiare i cambiamenti climatici  e protegge l’ambiente offrendoci spettacoli incredibili, purtroppo sempre più rari.



In questi mesi si sta discutendo al livello europeo sulla modifica della Direttiva Quadro Acque (2000/60/CE), uno dei pochi strumenti validi per la tutela dei corsi d’acqua in Europa. In molti vorrebbero modificarla per indebolirla e renderla così inefficace. Per il Tagliamento sarebbe una perdita gravissima che vanificherebbe decenni di impegno, così come per gli altri fiumi europei ancora integri.
(Fonte: WWF)

Il regalo che vi chiediamo è quindi di compilare il questionario che trovate qui:

#ProtectWater

La pagina informativa è molto completa e per questo ringraziamo gli amici di WWF Italia.

Solo facendo sentire la nostra voce potremo dare il nostro contributo alla salvaguardia del Re delle Alpi.

... Buon Natale a tutti!

Lo staff SKF

In : Progetti SKF 


Tag: tagliamento  kayak  auguri 
comments powered by Disqus